• Dylan Designs

Non conta solo cosa scrivi, ma anche come lo scrivi


La maggior parte delle persone che scrive contenuti nel campo della comunicazione, del marketing, ma anche dell’imprenditoria, lo fa spesso con un fine comune: vendere.


Tuttavia, per vendere qualcosa, che siano prodotti, servizi o semplicemente informazioni, non conta solamente cosa scrivi, ma soprattutto come lo scrivi!


In questo caso, avere delle ottime conoscenze di copywriting potrebbe essere una grande arma da usare a proprio favore.


Non è questo però il giorno in cui vogliamo parlare di copywriting, anche perché c’è qualcosa che sta al di sopra pure di questo quando ci si riferisce al “come scrivere qualcosa”.


Ebbene sì, puoi avere le migliori conoscenze grammaticali nel tuo bagaglio personale e, magari, anche delle innate conoscenze da copywriter, ma se poi c’è qualcosa che potrebbe distrarre la vista di chi legge tutto questo andrebbe in fumo.


Infatti per quanto tu sia bravo ad esprimerti e a scrivere per vendere, se chi deve leggere il tuo messaggio dovrà fare uno sforzo visivo eccessivo per coglierlo, finirai solo per aver perso del tempo.


L’elemento fondamentale nella stesura di un testo è infatti anche il tipo di font che decideremo di utilizzare per veicolare quello che abbiamo da dire.


La semplicità o complessità del font che si utilizza infatti può influenzare sensibilmente il modo in cui si percepiscono le informazioni fornite.


Gli studi dimostrano che chi legge un testo composto da un font semplice, ad esempio, è più propenso a impegnarsi a leggerlo fino in fondo, anche se magari si tratta di un testo lungo.

E, come “va di moda” ora, i testi scritti in chiave copy finiscono per essere decisamente lungi oggigiorno.


È per questo che è consigliabile utilizzare un font semplice e facile da leggere se bisogna convincere un potenziale cliente ad acquistare.


Dal momento che la percezione di uno sforzo minore è correlata al concetto di fluidità cognitiva, non solo sarà preferibile utilizzare un font di facile lettura, ma anche un testo con parole comuni e una struttura non complessa.


Questi accorgimenti minimizzeranno quello che verrà percepito come lo sforzo necessario per compiere una data azione e di conseguenza la percentuale di successo del testo aumenterà.


Quindi la prossima volta che dovrai scrivere una sales letter, un articolo o un contenuto di qualsiasi genere, non fermarti solo a cosa scrivere e che parole e strategie usare per mettere giù il testo, ma rifletti bene sul font che deciderai di utilizzare.

35 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti